Seleziona una pagina

Ciao a tutti !

Dopo questo Natale cicciotto, dove abbiamo passato le giornate a tavola, vi volevo far leggere questo articolo che ho trovato sul web veramente interessante, per chi avesse ancora dei dubbi.

Posate tutti i libri e datevi all’uncinetto, se davvero volete essere più intelligenti.
Studi scientifici hanno dimostrato che il knitting, ovvero lavorare a maglia e all’uncinetto rende le persone più smart e fa bene al corpo e alla mente, migliorando la salute mentale e fisica.

A dichiararlo è Clara Parkes, autrice di numerosi libri che negli States hanno un boom di vendite esorbitante, sui benefici terapeutici che si ha quando si lavora a maglia o all’uncinetto. Con tanto di testimonianze dirette, come Renée Magee, alla quale nel 2007 venne diagnosticata la sclerosi multipla. Come è noto, la malattia colpisce il sistema nervoso centrale. La donna ha combattuto questa malattia con un’arma segreta: i ferri da calza. “Ho scoperto che è davvero buono per il cervello lavorare su qualcosa in cui è necessario concentrarsi”, dice la donna. In effetti lavorare a maglia è un ottimo esercizio mentale che richiede concentrazione, minuziosità, attenzione e senso pratico.

Molti lo definiscono il nuovo yoga e in effetti è così: l’uncinetto è famoso per le sue qualità rilassanti e meditative e non a caso vengono proposti laboratori in strutture come ospedali, cliniche che seguono pazienti con disturbi come anoressia o bulimia, Alzheimer, depressione o ansia e addirittura prigioni per aiutare le persone a condurre una vita più felice, più sana.

In particolare sui soggetti affetti da anoressia è stato portato avanti uno studio, pubblicato nel 2009 sulla rivista Eating Disorders, che ha dimostrato che su 38 donne con anoressia nervosa alle quali è stato insegnato il lavoro ai ferri ci sono stati significativi miglioramenti: il 74 per cento ha diminuito le paure verso il cibo mentre il  53 per cento ha detto che lavorare a maglia ha dato loro soddisfazione e senso di realizzazione che prima non avevano.

Non solo: il lavoro all’uncinetto allevia i dolori – fisici e psichici – fa sentire e persone meno sole, rilassa e rende più pratici. Studi dimostrano anche che c’è una relazione tra lo sferruzzare e lo stato d’animo, che diventa più positivo ed è uno ottimo strumento di problem solving. Per questo aumentano le associazioni e i circoli che organizzano – anche in Italia –laboratori dove imparare questo simpatico hobby. Il trucco sta nell’imparare il movimento, che è ritmico e ripetitivo, caratteristiche ottimali per il rilassamento, uno stato in cui decellera il battito cardiaco, scende la pressione, la respirazione rallenta e gli ormoni dello stress cedono. Insomma, sferruzzare per credere.

Tratto da: https://it.style.yahoo.com/fare-uncinetto-rende-intelligenti-093142030.html

Che ne dite ? Potrebbe essere un’idea da mettere in atto durante queste festività ed in questo lungo inverno .

Alla prossima !!!